aifvs-associazione-italiana-familiari-vittime-strada

Approvazione della legge sull'omicidio stradale: Morani e Cucca ringraziano Pallotti

on . Postato in Attualità e notizie

L'onorevole Morani e l'onorevole Cucca ringraziano il nostro presidente in occasione dell'approvazione della legge sull'omicidio stradale. L'AIFVS sempre presente e protagonista della lotta alla strage stradale.

 

Alessia Morani ringrazia le associazioni di vittime della strada citando Alberto Pallotti e Marina Fontana

Seduta Camera dei deputati n. 550 di martedì 19 gennaio 2016, pag. 92

 

Il senatore Giuseppe Cucca ringrazia Marina Fontana ed Alberto Pallotti

Seduta Senato della Repubblica n. 551 del 10 dicembre 2015

 

IMG 4073

Gandolfi, Morani, Cucca e Minnucci: gli artefici della legge sull'omicidio stradale.

 

IMG 4074

Il giorno in cui è stata fondata l'UISS (Unione Italiana Sicurezza Stradale) a Roma. Ci sono le massime associazioni italiane.

 

IMG 4075

Il giorno dell'approvazione della legge.

 

IMG 4076

Con il Ministro Boschi.

 

IMG 4077

Con il Presidente della Corte di Appello di Roma, dott. Panzani.

 

IMG 4103

Storico momento della firma della legge sull'omicidio stradale. La penna con cui ha firmato è stata lasciata a noi con dedica e sarà venduta per beneficenza.

VIDEO / Il relatore Giuseppe CUCCA ringrazia tutti i sostenitori della legge sull'"omicidio stradale", citando Marina FONTANA ed Alberto PALLOTTI / Seduta del Senato n.551 del 10.12.2015

on . Postato in Attualità e notizie

VIDEO / Il relatore Giuseppe CUCCA ringrazia tutti i sostenitori della legge sull'”omicidio stradale”, citando Marina FONTANA ed Alberto PALLOTTI / Seduta del Senato n.551 del 10.12.2015

image

IL VIDEO: http://youtu.be/LFLaCInLwtE

Immediatamente prima della votazione nominale con appello con la quale, nella seduta antimeridiana del 10 dicembre 2015, il Senato della Repubblica ha licenziato, con emendamenti, il testo sull'”omicidio stradale”, ha preso la parola il senatore Giuseppe CUCCA, relatore sul provvedimento.
Questa l’ultima parte del suo intervento, nel quale ha ringraziato tutti i familiari delle vittime di incidenti stradali che hanno appoggiato ed appoggiano gli sforzi della maggioranza parlamentare e del Governo per far diventare l'”omicidio stradale” legge dello Stato.
Due i nomi di familiari da lui citati: Marina FONTANA ed Alberto PALLOTTI.
Queste le sue parole:
«Un’ultima annotazione e un ringraziamento in relazione all’appoggio che ci hanno dato i rappresentanti delle famiglie, già richiamati dal senatore Lumia.
Faccio due nomi che valgono per tutti (non sono tutti appartenenti ad associazioni):
ci sono persone come Marina Fontana, che è stata presente nel corso di tutti i lavori e che ha sempre assicurato il suo apporto, quello di cui ha parlato il collega Lumia;
così come vorrei ricordare Alberto Pallotti.
Non hanno sicuramente intenti vendicativi, ma hanno voluto soltanto seguire l’iter di una legge che credo dia finalmente una giusta risposta alle esigenze di giustizia manifestate dalla società.
Ritengo quindi doveroso porgere un ringraziamento a tutte queste persone.»

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=00952812&part=doc_dc-ressten_rs&parse=no&stampa=si&toc=no

Pubblicato 2015-12-12 14:55:11

Verona (ITALIA) / Strage di ragazzi ungheresi, una tragedia che poteva essere evitata / Comunicato di Alberto PALLOTTI, presidente nazionale dell'AIFVS-onlus / 22.01.2017

on . Postato in Attualità e notizie

img_0556

 

Verona (ITALIA) / Strage di ragazzi ungheresi, una tragedia che poteva essere evitata / Comunicato di Alberto PALLOTTI, presidente nazionale dell'AIFVS-onlus / 22.01.2017

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada - Onlus
www.vittimestrada.eu

Verona, 22 gennaio 2017

OGGETTO: Strage di ragazzi ungheresi, una tragedia che poteva essere evitata.

Ieri c'eravamo anche noi, appena abbiamo saputo quello che era successo siamo andati a cercare di portare conforto e sostegno alle vittime. Le scene che ci si sono presentate sono state apocalittiche. I ragazzi erano sconvolti, feriti, scalzi, in lacrime, inconsolabili.