AVERSA. Sono quasi trascorsi 12 anni dalla morte di Luigi Ciaramella, avvenuta il 31 luglio del 2008 sulla strada provinciale Ischitella-Madonna del Pantano. A fronte delle numerose denunce della famiglia della vittima, di papà Biagio Ciaramella e mamma Elena Ronzullo, è stata realizzata una rotonda con strutture di protezione angolari. Proprio Biagio si stava recando dalla famiglia di una vittima della strada quando è transitato lungo la tratta ed ha espresso tutta la sua rabbia in un video pubblicato su Facebook (https://www.facebook.com/giustiziaperluigi/videos/3142695945818498/).

PIENZA. Sono ancora in corso le indagini per ricostruire l’incidente, avvenuto sulla strada provinciale 146 nel comune di Pienza, che ha portato al coma farmacologico del campione paraolimpico Alex Zanardi. Le indagini del procuratore capo Salvatore Vitiello e del sostituto procuratore Serena Menicucci si stanno focalizzando sul problema della circolazione stradale e la relativa sicurezza

 

VERONA. 12 anni di reclusione ed inibizione perpetua del diritto alla guida in Italia. E’ il verdetto del processo in rito abbreviato richiesto da Janos Varga, autista del bus ungherese che, nella serata del 20 gennaio del 2019, andò ad impattare contro un pilone del cavalcavia dell’autostrada A4 Milano-Venezia, all’altezza del comune di San Martino Buon Albergo,  provocando l’incendio del mezzo di trasporto e la morte di 17 persone, tra cui 11 studenti. I ragazzi, di età compresa tra i 15 ed i 17 anni, erano di rientro da una settimana bianca in Francia.

 

ROMA. Lo scorso 1° giugno ha preso forma il progetto dell’A.I.F.V.S. Onlus intitolato "Uccisi sulle strade”. L'iniziativa fortemente voluta dal presidente Alberto Pallotti, è condotta dal responsabile della sede di Catania, Pietro Crisafulli, coordinata dal responsabile della sede Aversa ed agro aversano, Biagio Ciaramella.

 

Nel corso delle puntate finora andate in onda, hanno vantato un certo seguito, sono stati trattati diversi argomenti partendo dalle segnalazioni dei cittadini. In questo modo l’associazione è riuscita a farsi carico di diverse problematiche che verranno sottoposte, con documentazione ricercata ed allegata, alle pertinenti amministrazioni comunali, provinciali e regionali.

ROMA. Nella serata di domenica 7 giugno, la signora Dianora Pinelli ha pubblicato, sul suo profilo personale Facebook , il seguente post : “Il padre che, in provincia di Arezzo, per un colpo di sonno ha tamponato un camion e nell'incidente sono morti due dei suoi tre figli e dei due suoceri, se non fosse stati Sinti, sarebbe stato arrestato? ”.

 

AREZZO. “Gli utenti della strada devono disporre di vie di fuga costantemente utilizzabili in caso di pericolo. La nostra associazione, che è attiva costantemente per il controllo delle strade del nostro paese, ha constatato, più volte, che nelle aree di sosta  d’emergenza i conducenti si fermano per dormire. E’ inaccettabile”. Alberto Pallotti, presidente dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada Onlus, lancia l’ennesimo allarme legato all’utilizzo  delle aree di sosta sulle autostrade italiane.

Pagina 1 di 171

Facebook Fan Page

240x400 IMU