e9b501c4 fea2 47ee a78a 7894d7de5bdd Copia

Alberto PALLOTTI, presidente dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada ( AIFVS ) sulla condanna, a cinque anni di reclusione, di Ioan Munteanu, per la morte del giovane Riccardo Fiaschini / 31.05.2015

on . Postato in Attualità e notizie

Alberto PALLOTTI, presidente dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada ( AIFVS ) sulla condanna, a cinque anni di reclusione, di Ioan Munteanu, per la morte del giovane Riccardo Fiaschini / 31.05.2015

 
Desidero esprimere, ai familiari del giovane Riccardo Fiaschini, come presidente dell'AIFVS ed a titolo personale, il profondo affetto che tutta la grande famiglia AIFVS nutre per loro.
Il tribunale di Perugia ha riconosciuto, in maniera inequivocabile, le tesi della famiglia Fiaschini e dell'AIFVS, costituitasi parte civile, condannando Ioan Munteanu a cinque anni di reclusione, all'espulsione immediata dal territorio italiano ed a 660.000 euro di provvisionale (http://goo.gl/oVcPID).
La sentenza avrebbe dovuto e potuto essere più severa nei confronti dell'imputato che, senza patente ed ubriaco, causò la morte di un giovane ed il ferimento di un altro ragazzo.
Tuttavia, stante l'attuale situazione, in cui, di fatto, in Italia, i pirati della strada godono di quasi totale impunità, la sentenza del giudice di Perugia deve essere giudicata positivamente ed il nostro augurio è che, nei prossimi gradi di giudizio, non venga ulteriormente ammorbidita.
L'opinione pubblica italiana è stanca di constatare come la criminalità stradale sia sottovalutata dalla Magistratura e dal Parlamento.
I legislatori diano prova di voler effettivamente colpire quanti uccidono guidando ubriachi, o drogati, o procedendo ad una velocità eccessiva o distraendosi volontariamente.
Qualche giorno fa, la Commissione Giustizia del Senato ha licenziato un testo, in cui si contemplano aggravamenti di pena per i pirati della strada.
Ci auguriamo che questo primo, timido passo, venga seguito da un "iter" parlamentare veloce, che consenta di avere, al più presto, delle norme penali più efficaci contro chi, ponendosi alla guida, mostra di avere disprezzo per la vita umana.
Alberto Pallotti, presidente AIFVS

Le associazioni "VITTIME DELLA STRADA A16-Uniti per la vita", "MAMME CORAGGIO" ed "AIFVS" vicine alle vittime dell'incidente del pulmino a Baiano / 26.05.2015

on . Postato in Attualità e notizie

Le associazioni "VITTIME DELLA STRADA A16-Uniti per la vita", "MAMME CORAGGIO" ed "AIFVS" vicine alle vittime dell'incidente del pulmino a Baiano / 26.05.2015

 
Le notizie sul gravissimo incidente, occorso, nel pomeriggio di ieri, ad un gruppo di operai che tornavano dal lavoro, sull'autostrada A16, ci riempiono di dolore ed aprono ancor di più le nostre ferite emotive.
Particolarmente colpiti dal tragico evento sono le vittime ed i familiari di vittime del bus dell'Irpinia,
morte o rimaste gravemente ferite, cadendo, due anni orsono, da quel maledetto cavalcavia dell'A16, così vicino al casello di Baiano dove si è consumata la tragedia di ieri.
Il nostro augurio, la nostra richiesta, è che le indagini sull'incidente di ieri vengano svolte il più celermente possibile, senza adottare i tempi lunghi che, ahinoi, stanno invece caratterizzando l'iter giudiziario penale relativo all'autobus caduto dal cavalcavia dell'A16 nel luglio del 2013.
26 maggio 2015
 
Giuseppe BRUNO, presidente dell'associazione "Vittime della strada A16-Uniti per la vita"
 
Silvana TAVOLETTA, presidente dell'"Associazione Mamme Coraggio e vittime della strada" - onlus (AMCVS)
 
Alberto PALLOTTI, presidente dell'"Associazione italiana familiari e vittime della strada" (AIFVS)

Roma / Convegno STRADA ALLA VITA / venerdì 22 maggio 2015, ore 9.30-13.30

on . Postato in Attualità e notizie

 “Strade da amare, mai più strade amare”

Convegno
STRADA ALLA VITA

ASSOCIAZIONE MAMME CORAGGIO E VITTIME DELLA STRADA

Con il patrocinio di:
– Regione Toscana

Venerdì 22 maggio 2015
ore 9.30-13.30

Centro convegni Palazzetto delle carte geografiche
Via Napoli, 36 - Roma

 

PROGRAMMA DELL’INCONTRO

Ore 9.30 Saluti autorità
dr.ssa Natalja MONTEFUSCO
Capo f.f. settore comunicazione della rappresentanza in Italia della CE

INTERVENTI

– Ore 10.00 Alberto PALLOTTI:
“Le linee guida dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada”

– Ore 10.15 dr. Roberto FERRAVANTE, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea – Capo unità DG Mobility and Transports:
“Il terzo programma d’azione CE per la prevenzione e la sicurezza stradale: modalità operative”

– Ore 10.50 prof.ssa Clelia FORMICONI:
“La cultura della strada, progetto integrato d’area”

– Ore 11.00 “L’educazione stradale”, a cura di un esperto del MIUR

– Ore 11.15 Break

Ore 11.30 “Il ruolo dell’associazionismo in materia di prevenzione e sicurezza stradale”

Interventi di:

– Prof. Antonio LERARIO

– Silvana TAVOLETTA – presidente AMCVS (Associazione mamme coraggio e vittime della strada)

– Alfredo GIORDANI – #Vivinstrada

– Tonino MORREALE – AIFVS

Ore 12.00 Dibattito

Ore 13.30 Chiusura lavori

Coordinamento di Claudio MARTINO

Alberto PALLOTTI, presidente nazionale dell’AIFVS-onlus, sulla sentenza emessa, in data odierna, dalla Corte di Cassazione, sul caso Ilir BETI / 11 marzo 2013

on . Postato in Attualità e notizie

Alberto PALLOTTI, presidente nazionale dell’AIFVS-onlus, sulla sentenza emessa, in data odierna, dalla Corte di Cassazione, sul caso Ilir BETI / 11 marzo 2013

Nel tardo pomeriggio di oggi, la Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso di Ilir BETI,
ha ordinato l’annullamento del verdetto torinese ed ha disposto il rinvio in Corte d’Assise d’Appello,
dove si farà un nuovo processo, in cui verrà contestato l’omicidio colposo e non più doloso (http://goo.gl/1YTnHG / http://goo.gl/fWi9dh).

Tale sentenza, per tutti i cittadini e le associazioni che si battono per ottenere più giustizia per le vittime della strada e maggiore sicurezza sulle strade, è fonte di profonda amarezza:
avremmo, francamente, preferito un verdetto diverso che, almeno in questo caso estremo, riconoscesse il dolo eventuale.

Comprendiamo, tuttavia, seppur non del tutto, le ragioni dei magistrati della Suprema Corte e rivolgiamo un nuovo, accorato appello alla classe politica del nostro Paese, che ha l’abitudine di delegare – anche nel campo della sicurezza stradale – tutto alla magistratura, salvo poi lamentarsi che quest’ultima si prende troppo potere.

Cari parlamentari, abbiate il coraggio di assumervi le vostre responsabilità:
sull'”omicidio stradale“, dite finalmente una parola chiara ed inequivocabile.

È l’opinione pubblica che ve lo chiede!
Sono le vittime ed i loro familiari che lo pretendono!

Alberto Pallotti, presidente nazionale dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada-onlus ( AIFVS )