aifvs-associazione-italiana-familiari-vittime-strada

L’UISS ALLARMATA PER VOCI SU DEPENALIZZAZIONE DELL’OMISSIONE DI SOCCORSO / 3 gennaio 2015

on . Postato in Attualità e notizie

L’UISS ALLARMATA PER VOCI SU DEPENALIZZAZIONE DELL’OMISSIONE DI SOCCORSO / 3 gennaio 2015

Le associazioni aderenti all’Unione italiana per la sicurezza stradale (UISS) sono allarmate per le incredibili voci, secondo le quali il Governo Renzi avrebbe emanato – o starebbe per emanare – un decreto legislativo, attuativo della legge delega n.67 del 2014 (http://goo.gl/8OTAiT), che depenalizzerebbe il reato di omissione di soccorso.
Tali voci sono ritenute incredibili, in quanto un eventuale provvedimento di tal fatta contrasterebbe, nella maniera più assoluta, con quanto detto e scritto, innumerevoli volte, dal Presidente del Consiglio, sin dall’inizio del suo mandato.
È impossibile dimenticare, infatti, che egli è stato il primo presidente del Consiglio che ha trattato il tema dell’incidentalità stradale nel suo primo discorso alle Camere. Così come sarebbe lungo elencare tutte le volte in cui ha ribadito che l’introduzione del nuovo reato di “omicidio stradale” è un punto fermo del suo programma di governo.
L’UISS è certa che si tratta di voci infondate, anche perché una norma che depenalizzasse l’omissione di soccorso sarebbe in forte contrasto con quanto, invece, stabilito dal Parlamento, che ha dato indicazione al Governo di “trasformare in illeciti amministrativi tutti i reati per i quali è prevista la sola pena della multa o dell’ammenda”… quando, invece, per l’omissione di soccorso, sia nell’art.593 del codice penale (http://goo.gl/4kn3EY), sia nell’art.189 del codice della strada (http://goo.gl/I7LcC3), non è prevista “la sola pena della multa o dell’ammenda”, bensì anche, per alcuni casi, “la reclusione”.
L’UISS, inoltre, in relazione al decreto legislativo recante “Disposizioni in materia di non punibilità, ecc.” (http://goo.gl/Tb6smF), AUSPICA che i reati commessi in violazione del codice della strada vengano esplicitamente esclusi dall’elenco dei reati per i quali il giudice può stabilire la “non punibilità”.

FIRMATO:

ASSOCIAZIONI ADERENTI ALL’UISS (Unione italiana per la sicurezza stradale) che firmano il comunicato:

- AEFVS (Associazione europea familiari e vittime della strada-onlus), presidente Lilia GAVIANI DELLAMORE

- AGUVS (Associazione gruppi uniti… tutela e giustizia per le vittime della strada-onlus), presidente Maurizio BISANTI

- AIFVS (Associazione italiana familiari e vittime della strada-onlus), presidente Alberto PALLOTTI

- AMCVS (Associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada-onlus), portavoce e segretario Biagio CIARAMELLA

- Associazione Giustizia x gli angeli, presidente Annalaura ORIGO

- Associazione Marco Pietrobono-onlus, presidente Simonetta PIEZZO

- Associazione Matteo La Nasa, presidente Croce CASTIGLIA

- Associazione Roberto Cocco per la sicurezza stradale, presidente Franco COCCO

- Associazione sociale e culturale L’INCONTRO di Roccarainola in memoria di Francesco Pignatiello, presidente Aniello MIELE

- Associazione Valore Donna, presidente Valentina PAPPACENA

- Associazione vittime della strada A16 – Uniti per la vita, presidente Giuseppe BRUNO

- L’ITALIA VERA, presidente Barbara BENEDETTELLI

NON ADERENTI ALL’UISS CHE SOTTOSCRIVONO IL COMUNICATO:

- Associazione Flavio Arconzo – vittime della strada e della giustizia, presidente Katia SCHIAVONE

- Associazione Lorenzo Guarnieri, presidente Stefania GUARNIERI

- per il Blog/gruppo facebook “AUTOMOBILISTA RESPONSABILE”, Alfredo GIORDANI

THE UISS ALARMED FOR RUMOURS ABOUT THE HIT-AND-RUN’S DECRIMINALIZATION / translation by Claudio Martino ( AIFVS )

The Italian Union of associations for road safety (UISS) is alarmed by the incredible rumours, according to which the Renzi Government would have enacted – or would be to enact – a legislative decree, implementing the enabling act of 2014 n.67 (http://goo.gl/8OTAiT), that would decriminalize the hit-and-run’s offence.
These rumours are considered incredible, because a measure of this kind would be in sharp contrast to what has been said and written many times, by the Prime Minister, from the beginning of his assignment.
It is impossible to forget, in fact, that he has been the first Italian Prime Minister who has spoken of road accidents in his first speech to the Houses. And it would be long to list all the times in which he has declared that the introduction of the new crime of “road murder” is a cornerstone of his government program.
The UISS is certain that these are unfounded rumours, because a rule which decriminalized the hit-and-run would be in sharp contrast to what, on the contrary, has been established by Parliament, which has given an indication to the Government to “turn into administrative offences all the offences for which there is, as penalty, only a fine”… while, in fact, for the hit-and-run, both in the article 593 of the Italian Criminal Code (http://goo.gl/4kn3EY), and in the article 189 of the Italian Road Code (http://goo.gl/3iCr7p), there isn’t “the only penalty of fine”, but also, in some cases, “of imprisonment”.
The UISS, also, in relation to the legislative decree on “Measures in the field of non-punishment, etc.” (http://goo.gl/Tb6smF), HOPES that the crimes committed in violation of the road rules will be explicitly excluded from the list of offences for which the court may determine the “non-punishability”.

L’UISS ALARMÉE POUR LES RUMEURS SUR LA DÉPÉNALISATION DU DÉLIT DE FUITE / traduction de Claudio Martino ( AIFVS )

Les associations membres de l’Union italienne de la sécurité routière (UISS) sont alarmées par les rumeurs incroyables, selon lesquelles le Gouvernement Renzi aurait émis – ou irait émettre – un décret législatif, en exécution de la loi d’habilitation 67 de 2014 (http://goo.gl/8OTAiT), qui dépénaliserait le délit de fuite.
Ces rumeurs sont considérées incroyables, puisque une mesure de ce genre contrasterait totalement avec ce qui a été dit et écrit, plusieurs fois, par le Premier ministre, depuis le début de son mandat.
Il est impossible d’oublier, en effet, qu’il a été le premier Chef de Gouvernement italien qui a traité de la question des accidents de la route dans son premier discours devant les deux Chambres. Et il faudrait beaucoup de temps pour lister toutes les fois dans lesquelles il a réitéré que l’introduction du nouveau crime de “meurtre routier” est un fondement de son programme de gouvernement.
L’UISS est certaine que ce sont des rumeurs infondées, parce qu’une règle dépénalisant le délit de fuite serait contraire à ce que le Parlement italien a établi, en donnant l’indication au Gouvernement de “transformer en infractions administratives toutes les infractions pour lesquelles il n’y a que la peine d’amende”… quand, au contraire, pour le délit de fuite, soit dans l’article 593 du Code criminel (http://goo.gl/4kn3EY), soit dans l’article 189 du Code de la route (http://goo.gl/luu2J4), on n’a pas prévu “la seule peine d’amende”, mais aussi, dans certains cas, “la prison”.
L’UISS, également, en relation avec le décret législatif sur “Les mesures dans le domaine de non punissabilité, et cetera” (Http://goo.gl/Tb6smF), espère que les crimes commis en violation du Code de la route soient explicitement exclus de la liste des infractions pour lesquelles le tribunal peut décider la “non punissabilité”.

 

 

Alberto Pallotti, presidente nazionale dell'AIFVS-onlus, scrive al cantautore Sting, chiedendogli di scrivere una canzone sulle vittime della strada / testo inglese ed italiano

on . Postato in Attualità e notizie

Alberto Pallotti, presidente nazionale dell'AIFVS-onlus, scrive al cantautore Sting, chiedendogli di scrivere una canzone sulle vittime della strada / testo inglese ed italiano

La lettera è stata scritta in inglese, con l'aiuto del signor Mattia Pedota, membro del MENSA ITALIA (http://www.mensa.it)

QUI DI SEGUITO IL TESTO ORIGINALE IN INGLESE ED IN CALCE LA TRADUZIONE ITALIANA

Verona 11 dicembre 2014

Dear mr. Sting,

I’m the president of an important Italian association "Aifvs Onlus" (www.vittimestrada.eu) whose purpose is to counter the proliferation of road accidents.

First and foremost, I wish to tell you I’m a big fan of yours: your music, your voice, your lyrics have had a profound impact on entire generations and, in my opinion, you can be regarded as a great role model for countless people.

Some days ago, while listening to "Russians" again and again in an attempt to grasp its innermost meaning, I came to realize the message you really meant to convey is not that far from what we strive to communicate through our association. In your song, you talk about war, a subtle war between the USA and Russia, promises, ideologies, politics, cold war, and you wonder:”I hope the Russians love their children too”…

Well, nowadays a silent war is killing far more people than traditional wars, more people than the cold war and any other war in the world: road accidents.

I believe you are well aware of this issue: one million deaths every year, six thousands just in my country, millions of severely disabled people, devastated families.

I kindly ask you to write together with us the lyrics of a new message to the tune of “Russians”, to help people understand “if the human love their children too…”.

We firmly believe mankind is not making an adequate effort to put a stop to such an absurd carnage, which is the primary cause of death in industrialized countries.

If you could devote some of your attention to help this great project come true, we firmly believe our fight against road accidents would benefit enormously and your help may end up being crucial in saving a number of people.

Looking forward to hearing from you, I thank you for your attention.

Yours sincerely,

Alberto Pallotti

Alberto Pallotti, presidente nazionale dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada-onlus (AIFVS), cell. 392.1881975 Via Prognetta 72/A 37026 Pescantina (VR)

=============

associazione italiana familiari e vittime della strada - onlus
www.vittimestrada.eu
Verona 11 dicembre 2014

Buongiorno Mr Sting, sono il presidente di una importante associazione italiana che si occupa di contrastare la strage stradale.

Premetto di essere un suo ammiratore, la sua musica, la sua voce, i suoi testi hanno segnato e motivato intere generazioni e Lei, a mio avviso, può essere considerato un esempio importante e positivo per tantissime persone.

L'altro giorno, mentre ascoltavo per l'ennesima volta "Russians" cercando di coglierne il senso più profondo, mi sono reso conto che in realtà quello che Lei voleva comunicare con la canzone non si distanzia molto da quello che noi cerchiamo di esprimere con la nostra associazione.

Mi spiego meglio: Il testo della canzone parla di guerra, una sottile guerra che c'era tra USA e URSS. Promesse, ideologie, politica, guerra fredda. Alla fine l’inquietante interrogativo e la speranza:"I hope the Russians love their children too"....

Bene, oggi, nei nostri tempi, una guerra silenziosa uccide molte più persone delle guerre convenzionali, della guerra fredda e di tutte le altre guerre del mondo: l'incidente stradale.

Io credo che Lei conosca bene il problema, 1 milione di morti l'anno, 6 mila solo nel mio paese, milioni di invalidi gravi, famiglie distrutte.

Le chiedo se potesse, sulle note di Russians, scrivere assieme a noi il testo di un nuovo messaggio che possa far capire questo concetto: "if the human love their children too...."

Noi crediamo fermamente che l'uomo non si stia impegnando abbastanza per fermare questa assurda strage che è la principale causa di morte dei giovani, dei bambini, nei paesi industrializzati

Se Lei portasse la sua attenzione e realizzasse questa grandiosa opera, siamo fermamente convinti che la lotta alla strage stradale ne trarrebbe molto beneficio e Lei potrebbe rendersi partecipe della salvezza di moltissime persone.

In attesa di un suo gradito riscontro, la ringrazio per l'attenzione.

Distinti saluti

Alberto Pallotti

Alberto Pallotti, presidente nazionale dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada-onlus (AIFVS), cell. 392.1881975 Via Prognetta 72/A 37026 Pescantina (VR)

Con adesione dell'AIFVS-ONLUS / BARBARA BENEDETTELLI: “GIORNATA STORICA PER LE VITTIME DELLA STRADA. NASCE U.I.S.S. (UNIONE ITALIANA SICUREZZA STRADALE)”.

on . Postato in Attualità e notizie

BARBARA BENEDETTELLI: “GIORNATA STORICA PER LE VITTIME DELLA STRADA. NASCE U.I.S.S. (UNIONE ITALIANA SICUREZZA STRADALE)”. (AGENPARL) – Roma, 6 dicembre 2014 – “Oggi è una giornata storica e memorabile per le Vittime della strada.” Lo afferma con soddisfazione Barbara Benedettelli, attivista e presidente dell’Associazione e Movimento di opinione L’Italia Vera.

“Le maggiori Associazioni italiane si sono incontrate a Roma al termine di un convegno organizzato da Italia Vera. La spinta è stata di Alberto Pallotti, neo Presidente dell’AIFVS. Da anni si cerca di unire le Associazioni e finalmente si è aperta la strada. Diventeremo un forza in grado di cambiare le cose, ne sono certa. Oggi comincia una nuova era. Finalmente uniti.”

Oggi nasce la sigla di un organo che nei prossimi giorni prenderà forma e lavorerà su diversi fronti: prevenzione, certezza della pena, sicurezza, protezione e tutela delle Vittime. Le Associazioni che hanno aderito alla neonata U.I.S.S. (Unione Italiana Sicurezza Stradale) sono A.I.F.V.S., A.I.V.S.L., L’Italia Vera, Diamo Valore alla Vita, Lorenzo Guarnieri, Matteo la Nasa, Mamme Coraggio, R.I.V.I.S., Movimento Salvaciclisti, Vittime della Strada Uniti per la Vita A16, Valore Donna, A.G.U.V.S

http://www.agenparl.com/?p=133007

 

Audizioni, presso VIII Commissione Senato, in relazione al disegno di legge n. 1638, deliberate nella seduta del 28.10.2014 (http://goo.gl/ILMCQb) / richiesta di essere auditi, da parte dell'AIFVS-onlus e del movimento SALVACICLISTI

on . Postato in Attualità e notizie

Roma, 1 dicembre 2014

Alla cortese attenzione del
Sen. Altero Matteoli
Presidente della Commissione VIII
Lavori pubblici, comunicazioni

Ai membri della VIII Commissione tutta

OGGETTO: audizioni, presso codesta Commissione, in relazione al disegno di legge n. 1638, deliberate nella seduta del 28.10.2014 (http://goo.gl/ILMCQb) / richiesta di essere auditi, da parte dell'AIFVS-onlus e del movimento SALVACICLISTI

Gentile Presidente,
pur consapevoli di scriverLe dopo il limite del 6 novembre u.s., ci permettiamo di farlo, nella speranza che codesta Commissione trovi comunque il modo di ascoltare due realtà significative come il movimento SALVACICLISTI e l'AIFVS-onlus.
Molti i punti sui quali ci piacerebbe esprimere il nostro parere.
Solo a mo' di esempio:
- "ergastolo della patente" per droga, alcol e velocità;
- maggiore diffusione del TUTOR su viabilità extraurbana e sua introduzione anche su viabilità urbana;
- maggiore diffusione delle cosiddette "zone 30";
- circolazione delle biciclette in direzione opposta ai sensi unici;
- tavolo permanente "sicurezza stradale" Governo-associazioni.
In attesa di una Sua cortese risposta, Le inviamo i nostri più cordiali saluti.

Alfredo Giordani, referente sicurezza stradale movimento SALVACICLISTI, cell. 333.3440189

Alberto Pallotti, presidente nazionale dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada-onlus (AIFVS), cell. 392.1881975