SCOZIA. La polizia taglia le lezioni di sicurezza stradale dopo cinquant'anni. I comandanti della polizia hanno messo un freno allo svolgimento del programma di istruzione ed addestramento sull'educazione stradale nelle scuole cittadine dopo più di cinqua

on . Postato in Attualità e notizie

SCOZIA. La polizia taglia le lezioni di sicurezza stradale dopo cinquant'anni.
I comandanti della polizia hanno messo un freno allo svolgimento del programma di istruzione ed addestramento sull'educazione stradale nelle scuole cittadine dopo più di cinquant'anni.
Quattro incarichi sono in procinto di essere eliminati, visto che la polizia scozzese ha deciso di licenziare il personale civile della capitale, compresi il coordinatore della sicurezza stradale e tre impiegati addetti alla sicurezza stradale.
La decisione ha lasciato i capi del consiglio con il problema di come continuare a svolgere e finanziare un programma teso a salvare vite che include campagne finalizzate ai ciclisti ed ai giovani automobilisti, oltre all'addestramento alla guida per ditte locali.

Police axe road safety lessons after 50 years
POLICE chiefs have put the brakes on delivering road safety education and training in city schools after more than 50 years.
Four jobs are set to go as Police Scotland disband the Capital’s civilian team comprised of a road safety co-ordinator and three road safety officers.
The decision has left council bosses scrambling to work out how they will continue to deliver and fund a lifesaving programme which includes campaigns targeting cyclists and young drivers plus driver training for local businesses.

The work of police analysts in using collision and casualty data to inform the development of targeted road safety programmes in neighbourhood areas has also been withdrawn.

A deadline of March 31, 2014 has been issued as part of Police Scotland’s standardisation of service across the country.

Currently that would see the service end entirely, with the council expected to be unable to provide any kind of replacement until later in the year.

One senior council source said: “This has come completely out of the blue and leaves the council having to foot the bill for what is a vital service. It’s also a further move away from community policing.”

Road safety education and training in schools was discharged to the Lothian and Borders force back in 1975, and before that it was handled by the Edinburgh City Police, fondly remembered through the Tufty Club in the 60s. In recent years the vital work had been co-ordinated through the Streets Ahead Road Safety Partnership comprised of the city council, police, fire, NHS and other community groups.

City transport convener Lesley Hinds said: “It is far too late a stage to remove a service which is key to encouraging road safety among young people without any proper consultation.”

Independent MSP Margo Macdonald said of the plan: “I couldn’t think of anything which disappoints me more. It’s just another step on the centralisation of the force away from the community.”

Police Scotland was unable to provide a figure for how much it expected to save by the withdrawal of its services.

An Audit Scotland report on the merger of the eight former forces to create Police Scotland earlier in the year said the re-organisation was intended to save £1.1 billion by 2026.

Police chiefs already want to close the public counters at ten stations across Edinburgh and the Lothians, which are used by more than 100,000 people a year, as well as slashing opening hours at seven more.

A Police Scotland spokesman said: “Police Scotland has held meetings with the Scottish councils including Edinburgh City Council and other key stakeholders, to consult on how partnership working in road safety will be developed in the coming year.

“We remain fully committed to educating all road users through encouragement of good driving behaviours and where appropriate, enforcement of the road traffic laws. We will continue to work with our partners to keep people safe on Scotland’s roads.”

Advice for drivers

A POPULAR event which was run by the police and city council was the annual Streets Ahead event in the Corn Exchange.

Senior officers would meet with youngsters to discuss drink-driving, speeding and the wearing of seat belts. One such event included a talk delivered by Sara Irving, 19, from Livingston, who “died” twice in the back of an ambulance all because she didn’t wear her seat belt.

She said: “The crash changed my life. Stop and think before you go anywhere and ensure everyone in the car has a seat belt on.”

One of the most vulnerable groups on Scottish roads are drivers aged 17 to 25, who account for nearly a quarter of all road casualties.

http://www.edinburghnews.scotsman.com/news/crime/police-axe-road-safety-lessons-after-50-years-1-3249161

 

FRANCIA. Sicurezza stradale: una nuova campagna "choc" per le feste di fine d'anno. Lo Stato vuole responsabilizzare il pubblico affinché sia parte attiva rispetto agli automobilisti ubriachi. Feste di fine d'anno: una nuova campagna per impedire effettiv

on . Postato in Attualità e notizie

FRANCIA. Sicurezza stradale: una nuova campagna "choc" per le feste di fine d'anno. Lo Stato vuole responsabilizzare il pubblico affinché sia parte attiva rispetto agli automobilisti ubriachi. Feste di fine d'anno: una nuova campagna per impedire effettivamente a chi ha bevuto troppo di mettersi in viaggio. Per la prima volta, la Polizia stradale interroga direttamente le coscienze ed incita all'azione: nei confronti di chi ha perduto la facoltà di discernimento a causa dell'alcol, non c'è altra scelta che agire al suo posto.
Sulle strade, un automobilista troppo ubriaco è coinvolto in un incidente mortale su tre. I pericoli di una guida in preda all'alcol sono conosciuti:

SECURITÉ ROUTIÈRE : Une nouvelle campagne «choc» pour les fêtes de fin d’année. L’Etat veut responsabiliser le public pour qu’il agisse face aux conducteurs alcoolisés. Fêtes de fin d’année: Une nouvelle campagne pour empêcher vraiment quelqu’un qui a trop bu de prendre la route
Pour la première fois, la Sécurité routière interroge directement les consciences et incite à l’action : face à celui qui a perdu sa faculté de discernement à cause de l’alcool, il n’y a pas d’autre choix que d’agir à sa place.
Sur les routes, un conducteur excessivement alcoolisé [1] est en cause dans un accident mortel sur trois. Les dangers d’une conduite sous l’emprise de l’alcool sont connus : grisé par un effet désinhibant, le conducteur multiplie les comportements à risque (excès de vitesse, oubli d’attacher sa ceinture de sécurité, réflexes amoindris, somnolence…) et provoque des drames. Face à cette perte de discernement, c’est donc aux proches, à l’entourage, d’intervenir pour l’empêcher de reprendre la route.
Pour provoquer cette prise de conscience, pour faire de l’alcool au volant un sujet de responsabilité collective, la Sécurité routière lance, à l’occasion des fêtes de fin d’année, un nouveau film publicitaire « Le choix ». Il retrace l’histoire d’un dialogue intérieur, d’une hésitation, celle qu’ont connu nombre d’entre nous, au moment d’intervenir ou pas auprès d’un ami manifestement trop alcoolisé.

Visionnez le film « Le choix »

http://infos-dijon.com/?p=365853

 

CODICE PENALE RUMENO. Guida di un veicolo sotto l'influenza di alcol o di altre sostanze Art.336. (1) La guida su strade pubbliche di un veicolo, per il quale la legge prevede l'obbligo del possesso di una patente di guida, effettuata da una persona che,

on . Postato in Attualità e notizie

CODICE PENALE RUMENO. Guida di un veicolo sotto l'influenza di alcol o di altre sostanze
Art.336. (1) La guida su strade pubbliche di un veicolo, per il quale la legge prevede l'obbligo del possesso di una patente di guida, effettuata da una persona che, nel momento in cui le vengono prelevati campioni biologici presenta un tasso alcolemico di oltre 0,80 grammi, è punita con il carcere da uno a cinque anni o con una sanzione pecuniaria.

Conducerea unui vehicul sub influenta alcoolului sau a altor substante
Art. 336. - (1) Conducerea pe drumurile publice a unui vehicul pentru care legea prevede obligativitatea detinerii permisului de conducere de catre o persoana care, la momentul prelevarii mostrelor biologice, are o imbibatie alcoolica de peste 0,80 g/l alcool pur in sange se pedepseste cu inchisoare de la unu la 5 ani sau cu amenda.
(2) Cu aceeasi pedeapsa se sanctioneaza si persoana, aflata sub influenta unor substante psihoactive, care conduce un vehicul pentru care legea prevede obligativitatea detinerii permisului de conducere.
(3) Daca persoana aflata in una dintre situatiile prevazute in alin. (1) si alin. (2) efectueaza transport public de persoane, transport de substante sau produse periculoase ori se afla in procesul de instruire practica a unor persoane pentru obtinerea permisului de conducere sau in timpul desfasurarii probelor practice ale examenului pentru obtinerea permisului de conducere, pedeapsa este inchisoarea de la 2 la 7 ani.

http://www.avocatura.com/ll491-noul-cod-penal.html

 

Oltre 2.000 studenti di 11 Istituti scolastici di Pisa, in rappresentanza di tutte le scuole della Provincia, si sono dati appuntamento in Piazza dei Miracoli. Dopo aver indossato una maglietta "logata" con i colori della città, in pochi minuti, si sono p

on . Postato in Attualità e notizie

Oltre 2.000 studenti di 11 Istituti scolastici di Pisa, in rappresentanza di tutte le scuole della Provincia, si sono dati appuntamento in Piazza dei Miracoli. Dopo aver indossato una maglietta "logata" con i colori della città, in pochi minuti, si sono posizionati sul tappeto erboso più fotografato al mondo.
Alla presenza del Ministro Maria Chiara Carrozza e del Prefetto Francesco Tagliente hanno formato la scritta "L'ALCOL NON FA MIRACOLI": un monito provocatorio di fine anno contro l'abuso delle sostanze alcoliche, da parte dei giovani pisani a tutti gli italiani. Il messaggio 'fisico' è stato simbolicamente scelto proprio per ribadire il no degli studenti all'abuso di alcol, con l'augurio di un effetto emulativo capace di coinvolgere i giovani di tante altre città d'Italia.

Questo messaggio di legalità sul bere consapevole proposto da Matteo Lucherini, Presidente della Onlus "Generazioni Contatti Giovani e Adulti", e organizzato dalle scuole pisane, è stato fortemente voluto dal Prefetto di Pisa Francesco Tagliente e condiviso dal Presidente della Regione Enrico Rossi, dal Presidente della Provincia Andrea Pieroni, dal Sindaco di Pisa Marco Filippeschi e dal Dirigente Scolastico Provinciale Luigi Sebastiani.

La foto aerea della "scritta umana" di Massimo Sestini, è stata scattata da un elicottero della Polizia di Stato che ha sorvolato la Piazza. "Bere si, dunque, ma con la testa, per un divertimento che non metta a rischio la vita", è il messaggio che i giovani che aderiscono al progetto vogliono comunicare con forza, anche oltre gli schemi dell' informazione e del linguaggio tradizionale. L'iniziativa da Piazza dei Miracoli si affianca all'impegno di diffondere la cultura del divertimento sano, coltivato dallo stesso gruppo di ragazzi anche attraverso il web, per raggiungere il maggior numero di coetanei con una comunicazione efficace. La coreografia umana è stata arricchita dalla presenza della conduttrice televisiva Benedetta Rinaldi che ha intervistato uno dei professori, l'architetto Alberto Scattolin. A seguire il Ministro Carrozza ha rivolto un saluto agli studenti protagonisti della coreografia. Alla manifestazione, oltre al Prefetto, al Presidente della Provincia, al Dirigente Scolastico Provinciale e al Sindaco di Pisa, hanno partecipato anche i Sindaci degli altri 38 Comuni della Provincia.

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/piazza_dei_miracoli_pisa_catena_umana_alcol/notizie/411595.shtml

 

SCHIANTO A ROMA, GRAVI MADRE E FIGLIOLETTA. ALLA GUIDA UN ROMENO UBRIACO E DROGATO. Venerdì 27 Dicembre 2013 ROMA - Drammatico incidente stradale ieri sera intorno alle 19 in via Nettunense al km 25.300, nei pressi della stazione ferroviaria di Campo di C

on . Postato in Attualità e notizie

SCHIANTO A ROMA, GRAVI MADRE E FIGLIOLETTA. ALLA GUIDA UN ROMENO UBRIACO E DROGATO. Venerdì 27 Dicembre 2013
ROMA - Drammatico incidente stradale ieri sera intorno alle 19 in via Nettunense al km 25.300, nei pressi della stazione ferroviaria di Campo di Carne. Una Ford Ka guidata da un cittadino romeno, in fase di sorpasso ha invaso la corsia opposta contromano centrando in pieno una Fiat Panda con a bordo due nuclei familiari che rientravano a Nettuno dopo aver passato il giorno di Santo Stefano a casa di parenti a Roma. Pesante il bilancio: 6 feriti, un cagnolino morto ed una bambina di 9 anni, gravissima, in pericolo di vita ricoverata all'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. Il 25enne che guidava la Ford a folle velocità, anche lui ferito nel tremendo impatto, è stato trasportato all'ospedale Città di Aprilia, dove ha rifiutato di sottoporsi agli esami del sangue. I rilievi sul posto sono stati effettuati dalla pattuglia della polizia stradale di Albano, che sta procedendo ad altri accertamenti. La Fiat Panda era guidata dalla mamma della bambina, che si trova ora in gravissime condizioni, che era seduta dietro insieme alla sorellina più piccola, il suo cagnolino e una sua cugina di 20 anni, suo cugino più grande, di 22 anni, era seduto davanti, accanto alla zia che guidava, questa al momento una prima ricostruzione sommaria del tragico incidente. I feriti sono stati portati da varie ambulanze del 118 e ricoverati agli ospedali di Anzio e Latina. La via Nettunense è rimasta bloccata per diverse ore ed è stato difficile anche per i soccorritori raggiungere il posto visto la paralisi del traffico provocato dall'incidente. La donna che guidava, abita nel quartiere romano di Capannelle, insieme al marito e alle due bambine. Stava riportando a casa a Nettuno i due nipoti di 20 e 22 una ragazza e un ragazzo che abitano a Nettuno. GUIDATORE POSITIVO AD ALCOL E DROGA Era sotto effetto di droga e alcol il conducente della Ford Ka che ieri sera ha provocato un incidente stradale sulla via Nettunense, in località Campo di Carne, nel Comune di Aprilia, nel quale è rimasto gravemente ferita una bambina di 9 anni. Si tratta di un romeno di circa 20 anni, che, forse durante un sorpasso, ha invaso la corsia di marcia opposta schiantandosi contro una Fiat Panda guidata da una donna che viaggiava in auto con i suoi quattro figli, due maggiorenni e due minori. L'incidente è avvenuto all'altezza del km 25,300, quando la Ford guidata dal romeno ha invaso la corsia opposta, forse per un sorpasso, schiantandosi contro la Panda. In seguito al sinistro, la bambina è stata ricoverata d'urgenza all'ospedale Bambino Gesù di Roma mentre gli altri feriti sono stati ricoverati tra Anzio e Aprilia. A quanto si è appreso il romeno, anche lui ferito, è risultato positivo ad alcol e droga.

http://www.leggo.it/NEWS/ROMA/nettunense_schianto_mamma_figlia_frontale/notizie/413843.shtml