Tragedia di Belpasso, oggi i funerali delle vittime. Alberto Pallotti (A.I.F.V.S. Onlus): “Dolore immane, vicini alle famiglie”

on . Postato in Attualità e notizie

belpassodef

ADRANO (CT). Sarà un mercoledì di grande sofferenza e riflessione quello che si apprestano ad affrontare i cittadini di Adrano.

Si terranno, infatti, presso la chiesa di Santa Lucia, alle 15:30,  i funerali delle quattro vittime che hanno perso la vita nell’incidente consumatosi all’alba di domenica 13 ottobre sulla strada statale 121 Paternò-Catania, all’altezza dello svincolo per Belpasso. Un addio cruento, l’ultimo saluto a Lucrezia Diolosà Farinato (28 anni), Salvatore Moschitta (20 anni), Manuel Petronio (17 anni) ed Erika Germanà Bozza (15 anni). Angelo D’Agate, sindaco adranese, ha indetto il lutto cittadino.

Guard rail minaccia silenziosa per utenti della strada, Alberto Pallotti (A.I.F.V.S. Onlus): “Concausa di morti innocenti da scongiurare”

on . Postato in Attualità e notizie

guard1ROMA. La pericolosità silenziosa dei guardrails. Sono spesso i dettagli a rendere mortali gli incidenti e, tra questi, vi sono le barriere poste ai lati delle carreggiate.

Dei veri e propri killer che hanno coinvolto, per anni, costantemente e fatalmente, gli amanti delle due ruote, sino al decreto “Salvamotociclisti” dello scorso maggio. Il DDL ha reso obbligatoria  la condizione secondo cui i guarda via debbano vantare “una superficie continua sia in senso orizzontale che verticale per un’altezza di almeno 80 cm dal piano si strada". I pali di sostegno, in particolare, devono essere coperti da strisce di costituzione metallica o plastica.

Primo Auto-Moto raduno a Frignano, A.I.F.V.S. in prima linea per la sicurezza stradale

on . Postato in Attualità e notizie

frignanomotoraduno1FRIGNANO. “La vita va rispettata. Rispetta il codice della strada, salverai la tua vita e quella degli altri”. E’ questo solo uno dei messaggi della lettera scritta da Elena Ronzullo in data 3 agosto 2013 (a 5 anni di distanza dall’incidente che sulla strada Ischitella - Madonna del Pantano vide coinvolto fatalmente Luigi Ciaramella), che è stata letta all’apertura del primo raduno auto e moto d’epoca (figuranti nel Registro Italiani Veicoli Storici) in Frignano (Area mercato). Una famiglia che, a distanza di 11 anni dall’accaduto, è ancora alla ricerca della verità, immersa nel dolore dei ricordi e nello strazio del presente. Si è giunti alla quinta riapertura del caso e sono cinque gli imputati che devono fornire una risposta.