Incidenti stradali, nove morti in una settimana in Sicilia. Pietro Crisafulli (A.I.F.V.S. Onlus Catania): “E’ straziante, urge sinergia con istituzioni per combattere fenomeno”

on . Postato in Attualità e notizie

pietroincidentisicilia

CATANIA.Edoardo, Maria, Salvatore, Paolo, Alessandro, Giovanni. Sono questi alcuni dei nomi delle persone che hanno perso la vita in diversi incidenti stradali avvenuti in Sicilia nell’ultima settimana. Un vero e proprio dramma che ha spezzato i giorni di nove vittime e che viene alimentato, quotidianamente, da tutti coloro i quali si rendono protagonisti di comportamenti poco consoni alla guida e totalmente ignoranti delle regole stabilite dal codice della strada.

A.I.F.V.S. e A.M.C.V.S. firmano il protocollo d’intesa con Comune di Qualiano per la sicurezza stradale

on . Postato in Attualità e notizie

protocollocomunequaliano

QUALIANO. Istituzioni e associazioni insieme per la sicurezza stradale. Nella giornata di giovedì 1 agosto, il Comune di Qualiano, guidato dal sindaco Raffaele de Leonardisa seguito di quanto deliberato nel consiglio comunale tenutosi lo scorso 21 giugno e grazie all'impegno del presidente del consiglio Salvatore Onofaro, ha sottoscritto un significativo ed importante protocollo d'intesa con l’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada – Onlus (A.I.F.V.S.), presieduta da Alberto Pallotti, con referente per Aversa ed agro aversano Biagio Ciaramella, e l’Associazione Mamme Coraggio e Vittime della Strada – Onlus (A.M.C.V.S.), con a capo Elena Ronzullo.

Incidente Bologna, Alberto Pallotti (A.I.F.V.S.): “Camionisti pagano conseguenza di lavoro estenuante, necessari i controlli su impieghi degli operai”

on . Postato in Attualità e notizie

pallotticamionBOLOGNA. “I camionisti non sono gli unici responsabili degli incidenti che li vedono coinvolti. Le loro distrazioni sono frutto di un processo che li schiaccia quotidianamente, privandoli di diritti incontestabili e riducendoli a veri e propri cadaveri che fanno fatica anche a deambulare”. A parlare, in un'intervista concessa a “Il Fatto Quotidiano” alla giornalista Elisabetta Reguitti, è un pragmatico Alberto Pallotti, presidente dell'Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada – Onlus.

L'intervento del veronese è successivo allo scontro tra camion andati a fuoco nella mattina di martedì 30 luglio sull'A14, all'altezza di Borgo Panigale, nei pressi di Bologna, proprio a poca distanza da dove si originò l'incendio che causò il crollo di un ponte il 6 agosto del 2018. Inevitabile la morte di un autista.

Educazione civica reintrodotta in scuole, Alberto Pallotti (A.I.F.V.S.) scrive a ministro Bussetti: “Felici per approvazione, chiediamo incontro per avviare collaborazione”

on . Postato in Attualità e notizie

pallottiministro

ROMA. L’educazione civica torna nelle scuole italiane. E’ stata, infatti, approvata al senato, con 193 “sì” e 38 astensioni, la nuova legge che prevede, per la materia in questione, 33 ore obbligatorie. Una reintroduzione che si tramuterà in un voto in pagella.

L’insegnamento passa da dodici iniziative trasversali tra cui la sensibilizzazione della cittadinanza attraverso progetti da attuare anche nelle scuole d’infanzia. L’educazione civica abbraccia diversi argomenti tra cui l’educazione stradale, alla salute, al benessere, al volontariato, la cittadinanza attiva e il rispetto dell’ambiente.

Alberto Pallotti scrive a sottosegretario alla giustizia Ferraresi: “Patteggiamento in concorso di colpa è anticostituzionale”

on . Postato in Attualità e notizie

pallottiferraresi

ROMA. Il presidente dell’Associazione italiana Familiari e Vittime della Strada OnlusAlberto Pallotti, ha scritto al sottosegretario di Stato alla giustizia ,Vittorio Ferraresi.

L’impegno dell’associazione perdura da diversi anni ed ha portato alla creazione di 120 sedi dislocate in tutta Italia. Il costante confronto con il territorio nazionale, registrato in un osservatorio ufficiale quotidianamente aggiornato e monitorato, permette ad Alberto Pallotti di avere un quadro ben chiaro sulle stragi che si consumano sulle strade e sugli esiti dei rispettivi processi. E’ da qui che nasce il sostegno alle famiglie e l’approfondimento di vari aspetti delle leggi che regolano il codice stradale con le relative applicazioni.